Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
1 febbraio 2010 1 01 /02 /febbraio /2010 01:53

La-tigre-del-Bengala-1.jpgLe tigre de Eschnapur

 

Réalisateur Fritz Lang

Avec Debra Paget, Paul Hubschmid, Valéry Inkijinoff, Walter Reyer, Claus Holm, Jochen Brockmann, Luciana Paluzzi, Sabine Bethmann, Jochen Blume, René Deltgen, Richard Lauffen

Durée 97 minutes

Couleur Oui

Pays  Allemagne | France | Italie

Année de sortie 1959

Restriction Tous publics

Production CCC Films

Scénario  Fritz Lang, Werner Jörg Lüddecke

Musique Michel Michelet

Catégories Drame, Aventures Actions, Europe Asie

 

SYNOPSIS

 

L’architecte Henri mercier (Paul Hubschmid), se rend en Inde à la demande du Maharadjah Chandra (Walter Reyer) qui souhaite rénover son palais d’Eschnapur. En chemin, il rencontre une magnifique danseuse du Temple de Bénarès, Seetha (Debra Paget), elle aussi invitée du souverain qui, veuf depuis peu, souhaite faire d’elle son épouse. Harald sauve Seetha des griffes d'un tigre décimant les habitants de la région et tous deux tombent amoureux. Tandis que le beau-frère de Chandra et l’assemblée des prêtres fomentent un coup d’état, l’amour de Harald pour Seetha rend fou de jalousie le Maharadjah, qui la séquestre dans une «cage dorée». Lorsque celle-ci s’enfuit, il décide de lui faire construire un mausolée

 

Le diptyque que forment Le Tigre du Bengale et Le Tombeau Hindou est la troisième adaptation filmée d’un scénario écrit près de quarante ans plus tôt par Fritz Lang et son épouse d’alors, Thea von Harbou, d’après le roman de cette dernière, «Das Indische Grabmal». En 1920, alors que le projet est lancé et que Lang vient de terminer Les Araignées, son troisième film et son premier diptyque, la réalisation en est confiée à Joe May, considéré comme «plus expérimenté». Ce dernier dirige Conrad Veidt, Lya de Putti et Bernard Goetzke dans une superproduction muette dont le succès s’avère considérable. En 1938, une version parlante en noir et blanc, dirigée par le berlinois Richard Eichberg, avec Fritz van Dongen, La Jana et Theo Lingen, remporte, elle aussi, un triomphe. Début 1956, Alexander Korda, réalisateur-producteur souhaitant renouer avec le succès de ses films «exotiques» comme Alerte aux Indes, se tourne vers Fritz Lang qui envisage alors un sujet autour de l’imposant Palais du Taj Mahal. Mais Korda meurt le 23 janvier et le producteur Arthur Brauner propose alors à Lang un remake en couleur du film d’Eichberg et un conséquent budget de 4 millions de Marks. Fritz Lang déclara : «Pour moi, quelque chose de mystique est en jeu. Un cercle se referme : ce que j’ai tant désiré, il y a quarante ans, se réalise enfin, aujourd’hui, de façon surprenante. » (in «Fritz Lang. Trois Lumières», d’Alfred Eibel). Il se met aussitôt au travail et reprend le scénario initial en compagnie de Werner Jörg Lüddecke. Tournée en 1958 en 89 jours, dont 27 en Inde et le reste en studio à Berlin, cette coproduction germano-italo-française trouble les admirateurs de Fritz Lang comme ses détracteurs. Certes, il peut être surprenant de voir sous sa caméra quelques passages obligés (d’aucuns disent : « clichés») du film d’aventures : gentils européens, locaux fourbes, riches palais ordonnés contrastant avec la luxuriante nature peuplée d’animaux féroces. Mais, avec tous ces ingrédients, que d’invention, que d’intelligence, que de sobriété aussi ! L’opposition des caractères et l’utilisation des décors sont résolument modernes. Et si l’on peut reprocher quelques effets surannés et une interprétation monolithique du héros Paul Hubschmid et des Indiens joués par des Allemands au visage passé au cirage, n’oublions pas que toute une génération de cinéphiles (mâles) est tombée amoureuse de Seetha, l’accorte danseuse aux appas à peine voilés, incarnée par Debra Paget… qui n’a rien perdu de ses charmes, ni ses chorégraphies de leur éclat. 

 

 

 

Repost 0
Published by Indipendent Collector - in Cinema d'essai
scrivi un commento
31 gennaio 2010 7 31 /01 /gennaio /2010 19:07

Il-ponte-sul-fiume-Kwai-1.jpgIl ponte sul fiume Kwai


Durante la seconda guerra mondiale prigionieri britannici di guerra in Birmania sono impiegati nella costruzione di un ponte, mentre una squadra di guastatori loro compatrioti si prepara a distruggerlo.

Un film di David Lean. Con William Holden, Jack Hawkins, Alec Guinness, Sessue Hayakawa.
Titolo originale The Bridge on the River Kwai. Guerra, Ratings: Kids+13, durata 161 min. - USA 1957.


Durante la seconda guerra mondiale, un battaglione inglese, comandato dal colonnello Nicholson, è fatto prigioniero in Birmania e mandato come forza lavoro in un campo di concentramento giapponese. Saito, il comandante nipponico, ordina la costruzione di un ponte sopra il fiume Kwai, sul quale dovrà passare la ferrovia e pretende dagli ufficiali, infischiandosene della convenzione di Ginevra, gli stessi obblighi dei soldati semplici. Nicholson si ribella e per questo motivo è segregato in una buca; ma tempo dopo è liberato dallo stesso Saito, il quale accortosi del ritardo nella costruzione del ponte cede ad ogni richiesta dell'ufficiale britannico. Anzi, si fa convincere da Nicholson ad affidargli la direzione dei lavori. Intanto, il maggiore Shears, americano, fugge dal campo e raggiunge il distaccamento statunitense situato sulle spiagge dell'isola. Il corpo è formato da una squadra di guastatori, Forza 316, comandata dal maggiore Warden e pronta ad entrare in azione per far saltare in aria il ponte appena ultimato dai prigionieri britannici. L'operazione riesce non senza sacrifici di vite umane. Nell'esplosione perdono la vita, oltre un numero considerevole di soldati, anche i due ufficiali.
Questo film si prese 7 premi Oscar (tra cui quello della sceneggiatura toccò a Pierre Boulle, autore del romanzo, mentre era stata scritta da Carl Foreman e Michael Wilson, entrambi sulla lista nera come filocomunisti). Questo megafilm che è insieme tragedia e commedia, denuncia della guerra e omaggio a quelli che la fanno, concilia l'avventura con l'ironia, le ambizioni artistiche con quelle dello spettacolo. Memorabile Guinness, ma anche il motivo fischiettato di “The Colonel Bogey March”.

Crediti

Regia: David Lean

Produzione: Sam Spiegel

Sceneggiatura: Carl Foreman, Michael Wilson (accreditati nella versione restaurata del 1985)

(dal romanzo Le pont de la rivière Kwai di Pierre Boulle)

Fotografia: Jack Hildyard

Musica: Malcolm Arnold

Montaggio: Peter Taylor

Suono: John Cox, John W. Mitchell, Wiston Raider

Scenografia e Arredamento: Donald M. Ashton

Consulenza storica: Generale L. Perowne

Costumi: Jihn Apperson

Trucco: Stuart Freeborn, George Partleton


Cast

 

Alec Guinness .................. Colonnello Nicholson   

William Holden ....................... Maggiore Shears   

Jack Hawkins ....................... Maggiore Warden   

Sessue Hayakawa ................... Colonnello Saito   

James Donald ............. Ufficiale medico Clipton   

Geoffrey Horne ........................... Tenente Joyce   

André Morell ......................... Colonnello Green   

Peter Williams ......................... Capitano Reeves   

John Boxer ............................................... David   

Dullea .................................... Maggiore Hughes   

Percy Herbert ........................................ Grogan   

Harold Goodwin ....................................... Baker   

Ann Sears ......................................... infermiera   

Heihachiro Okawa ........... Capitano Kanematsu   

Keiichiro Katsumoto ................... Tenente Miura   

M.R.B. Chakrabandhu ........ Colonnello Broome   

Vilaiwan Seeboonreaung ......... ragazza birmana   

Ngamta Suphaphongs ............. ragazza birmana   

Javanart Punynchoti ................. ragazza birmana   

Kannikar Dowklee .................. ragazza birmana   

 

Dati tecnici e specifici

Genere: Guerra

Durata del film: 2h, 41 min.

Formato della pellicola: 35mm in Cinemascope – Technicolor

Data di uscita: 2 Ottobre 1957

Restaurazione: 1985

Luoghi delle riprese: Sry Lanka

Scene chiave: Esplosione del ponte

 

Riconoscimenti artistici

PREMIO OSCAR

Film

Regia

Attore (Alec Guinness)

Sceneggiatura

Colonna sonora

Fotografia

Montaggio

 

Nomination all'Oscar

Attore non protagonista (Sessue Hayakawa)

 

GOLDEN GLOBES – USA

premio Film drammatico

premio Regia

premio Attore (Alec Guinness)

 

BRITISH ACADEMY AWARDS – ING

premio Film in assoluto

premio Film inglese

premio Attore (Alec Guinness)

premio Sceneggiatura

 

DAVID DI DONATELLO – ITA

premio Produzione straniera

 

BRITISH SOCIETY OF CINEMATOGRAPHERS – ING

premio Fotografia

 

DIRECTORS GUILD OF AMERICA – USA

premio Regia e Assistenti

 

NATIONAL BOARD OF REVIEW – USA

premio Film premio Regia premio Attore (Alec Guinness) premio Attore non protagonista (Sessue Hayakawa)

 

NATIONAL FILM PRESERVATION BOARD – USA

1985 Migliore restaurazione

 

NEW YORK FILM CRITICS CIRCLE AWARDS – USA

premio Film

 

GOLDEN SCREEN – GER

premio Film

 

Repost 0
Published by Indipendent Collector - in Cinema d'essai
scrivi un commento
30 novembre 2009 1 30 /11 /novembre /2009 01:41

Maschere e pugnali di Fritz Lang (1946) B/N
Regia: Fritz Lang
Cast:
Gary Cooper, Lilli Palmer, Robert Alda

Con "Maschere e pugnali", che presenta più di un collegamento con "Metropolis", Lang aggiunge un altro capitolo teso e spasmodico alla sua filmografia antinazista, puntando l’obiettivo sull’incubo dell’era atomica e utilizzando al meglio Gary Cooper. La Warner, purtroppo, impose sostanziosi tagli alla pellicola, in particolare al finale decisamente avverso all’utilizzo della bomba atomica. In origine Lang aveva infatti girato un vero e proprio esperimento nucleare con il professor Jasper che pronunciava battute di denuncia contro I’utilizzo bellico dell’energia atomica, ritenute inaccettabili nell’epoca di Hiroshima e Nagasaki.

Informazioni Generali:

Durata 106 minuti

Produttore: Ermitage Cinema

Titolo originale: Cloak And Dagger

Lingua: Italiano

A chi è consigliato: Per tutti

 

Download links:
http://rapidshare.com/files/288192642/Cl_dag.dlc


To use .dlc file, you have to download jDownloader, that supports this format of files
It can be found
HERE, tutorials on using it HERE and video tutorial on using it with RS premium HERE
Video and audio information:
Video : 637 MB, 894 Kbps, 23.976 fps, 512*384 (4:3), XVID = XVID Mpeg-4
Audio : 61 MB, 80 Kbps, 48000 Hz, 1 channel, 0x55 = Lame MP3
Subtitles (Spanish, Portuguese) + sample ( 8.4 MB )
http://flyfile.us/a3xxxdpagh3l/Cl_and_dagger_subs+sample.rar
http://sharingmatrix.com/file/242777/Cl_and_dagger_subs+sample.rar
Password:
www.onlyoldmovies.blogspot.com

Repost 0
Published by Indipendent Collector - in Cinema d'essai
scrivi un commento
22 luglio 2009 3 22 /07 /luglio /2009 03:03
Regia George Gallo
SceneggiaturaGeorge Gallo
Data di uscita 1991
Genere Commedia

Trama

New York, 1976: il ventottenne Frank Pesce ha appena sei milioni di dollari alla lotteria dello stato di New York, ma non è felice; anzi, è a pezzi. Talmente a pezzi che, sulla via di casa, si ferma davanti a una chiesa per maledire il proprio destino, scagliando palle di neve contro le vetrate. Frank Pesce è nato sotto una buona stella e ha vissuto una vita talmente incredibile da sembrare una favola, ma la sua fortuna è stata una benedizione miracolo e una maledizione al tempo stesso. Nato a 29th Street, il regno degli italoamericani di New York, Frank è considerato fortunatissimo da tutti, ma lui non se ne accorge quasi. Quando viene accoltellato durante una rissa, i medici che lo stanno operando scoprono che ha un tumore ai polmoni, ma non gli darà più noie perché è stato scoperto in tempo. D'altro canto, quando Frank decide di affondare la sua auto per riscuotere i soldi dell'assicurazione, la macchina continua a riaffiorare a galla nei posti più impensati. Questo è il genere di fortuna che accompagna ogni giornata di Frank. La sua reputazione lo segue ovunque: ben presto tutti lo credono imbattibile al gioco e lo rispettano, perfino i capi della malavita locale. Ma, quando riesce a entrare tra i finalisti per la lotteria di New York, Frank è costretto a prendere una difficile decisione che metterà alla prova la sua lealtà

Repost 0
Published by Indipendent Collector - in Cinema d'essai
scrivi un commento
29 aprile 2009 3 29 /04 /aprile /2009 23:40

La donna di sabbia
(Suna no onna, Giappone, 1964, b/n, 123’, v.o. con sott. it.)
Regia: Hiroshi Teshigahara
Con: Eiji Okada, Niki Jumpei,Kyoko Kishida, Hiroko Ito, Koji Mitsui, Sen Yano
Un giovane entomologo, trovatosi in un deserto di sabbia per le sue ricerche e perduta la corriera per la città, chiede ospitalità agli abitanti di un villaggio. Questi lo conducono alla cap anna di una donna sola che si trova in una fossa di sabbia e che si raggiunge mediante una scala di corda.
La mattina seguente si accorge di essere in trappola perché la scala è stata tolta. La donna, sola dopo aver perduto marito e figlia, vuole aiuto e amore ma lo scienziato pensa esclusivamente al modo per riconquistare la libertà. Presto però, la solitudine li porta ad attrarsi l'un l'altra. Il giovane prova una simpatia per la donna, per la sua rassegnazione, il suo coraggio e la sua forza d'animo. Nei suoi tentativi di fuga, l'entomologo scopre un mezzo per ottenere l'acqua in quel deserto. Quando la donna, in stato interessante, dovrà andare in ospedale, il giovane, malgrado possa riconquistare la sua libertà, rimarrà con lei.

Repost 0
Published by Indipendent Collector - in Cinema d'essai
scrivi un commento
29 aprile 2009 3 29 /04 /aprile /2009 03:32
Adapté d'un livre de Truman Capote, un classique du cinéma américain magistralement porté par Audrey Hepburn, qui confère au personnage de Holly un charme cocasse, dramatique et ensorcelant.

À l'aube, avant d'aller se coucher, la jeune Holly Golightly, habillée d'une robe de soirée noire satinée, cachée derrière les verres fumés de ses lunettes, déguste un pain au raisin et boit un café en léchant des yeux la vitrine de Tiffany's, le célèbre joaillier de la Cinquième Avenue, à New York, imparable remède contre le cafard. Rentrée chez elle, Holly fait la connaissance de son nouveau voisin, Paul Varjak. Au fil de leurs rencontres de palier, elle découvre que c'est une femme riche et plus vieille que lui qui a payé l'appartement. Lui comprend peu à peu qu'elle cultive la compagnie de messieurs argentés, susceptibles de la régaler des bijoux qu'elle aime tant.

Fiche technique


Réalisateur : Blake Edwards
Image : Franz Planer, Philip H. Lathrop
Musique : Henry Mancini
Montage : Howard A. Smith
Acteur : Alan Reed, Audrey Hepburn, Beverly Powers, Buddy Ebsen, Claude Stroud, Dorothy Whitney, Elvia Allman, George Peppard, John McGiver, José Luis de Villalonga, Martin Balsam, Mickey Rooney, Orangey, Patricia Neal, Stanley Adams
Auteur : George Axelrod
Production : Jurow-Shepherd, Paramount Pictures
Producteur : Martin Jurow, Richard Shepherd

Pays : Etats-Unis - Nationalité : américaine - Année de réalisation : 1961 - Durée : 1h55 - Titre original : Breakfast at Tiffany's

Repost 0
Published by Indipendent Collector - in Cinema d'essai
scrivi un commento
27 aprile 2009 1 27 /04 /aprile /2009 02:52

A TOUCH OF SPICE

(POLITIKI KOUZINA)

 

un film di

Tassos Boulmetis

 

 

Fanis, professore di astronomia ad Atene, deve rimandare le sue vacanze per l'arrivo improvviso di suo nonno che non vede da anni. Organizza un pranzo per lui e per i suoi amici, ma nonno Vassilis non arriva.

 

 

FANIS ……………………………………………………….. GEORGE CORRAFACE

NONNO VASSILIS ………………………………………………... TASSOS BANDIS

SAIME ………………………………………………………... BASAK KÖKLÜKAYA

SAVAS IAKOVIDES ……………………………………... IEROKLIS MICHAILIDIS

SOULTANA IAKOVIDOU ……………………………………... RENIA LOUIZIDOU

ZIO AIMILIOS ……………………………………………………. STELIOS MAINAS

IL PICCOLO FANIS …………………………………………………. MARKOS OSSE

MUSTAFA ……………………………………………………. TAMER KARADAGLI

 


DATI TECNICI

Nazionalità: Greco-Turca

Durata: 108’

Suono: Dolby Digital

Produzione: Grecia 2003

 

SINOSSI

 

 

Questa toccante favola narra la storia di Fanis e di come la sua infanzia sia stata condizionata dalla sua eccentrica famiglia e dal suo amore per il cibo.

Nella città di Istanbul piena di profumi d’Oriente durante la fine degli anni ’50, la mente, il cuore e il gusto di Fanis vengono educati da suo nonno Vassilis, proprietario di un piccolo negozio di spezie. La filosofia di vita del nonno è legata all’amore e alla conoscenza delle spezie, dell’arte culinaria e dell’Astronomia, passioni che trasmette con trasporto al giovane Fanis.

 

All’inizio degli anni ’60, Fanis del tutto ignaro delle crescenti tensioni politiche tra Grecia e Turchia, trascorre felicemente il suo tempo in compagnia del nonno e della sua amica Saime. Purtroppo Fanis e la sua famiglia, composta prevalentemente da greci, vengono costretti a lasciare Istanbul e a trasferirsi ad Atene, lasciando il nonno.

Il ragazzo trova difficoltà nell’ambientarsi ad Atene. Spera di poter cucinare per il nonno e Saime, quando verranno a trovarlo.

Fanis si chiude sempre di più in un suo mondo e provando a riempire il vuoto lasciato dal nonno e dall’amica, finisce per essere ossessionato dalla cucina. Questo suo amore per l’arte culinaria, finirà in breve tempo per disturbare non solo i genitori, ma anche la sua eccentrica parentela, gli insegnanti e il clero locale.

Sebbene il cibo sia un elemento importante in famiglia, i genitori di Fanis lo bandiscono dalla cucina nella speranza che possa crescere come tutti gli altri ragazzi della sua età. Ma questo intervento dei genitori mette Fanis in guai peggiori: cercando un altro luogo dove dar sfogo alla sua ossessione, finirà col cucinare in un vicino bordello.

Infelice Fanis, tenterà, fallendo, una fuga per raggiungere suo nonno in Turchia.

La polizia locale lo punirà costringendolo a studiare patriottismo greco. Sarà molto difficile per i suoi genitori riuscire ad instillare in lui questo sentimento, pervasi come sono da un forte senso di nostalgia per Istanbul.

 

Fanis cresce studiando come chef e sperando ancora in una visita di suo nonno che non verrà mai a trovarlo per paura di allontanarsi da casa. Nonostante tutto influenzerà le decisioni di Fanis e il suo atteggiamento verso la vita e le persone.

Passano gli anni e ritroviamo Fanis adulto, professore di Astrofisica. Mentre sta per lasciare Atene per le vacanze, riceve la notizia che finalmente suo nonno verrà a trovarlo. Fanis si prepara all’incontro. Ma quando scopre che il nonno è stato ricoverato d’urgenza in ospedale, lascia tutto e corre ad Istanbul per stare con lui.

Così, 35 anni dopo, al capezzale del nonno morente, Fanis si ritrova catapultato ad Istanbul, una città piena di fantasmi e ricordi del suo passato. Ricordi che si materializzano quando improvvisamente, al funerale del nonno, si trova davanti alla bellezza di Saime.

 

Saime adesso è una mamma che si è recentemente separata dal marito, Mustafa, anche lui conosciuto da Fanis negli anni dell’infanzia. La loro romantica affinità si riaccende: nessuno dei due ha dimenticato l’innocente amore infantile. Fanis decide di restare ad Istanbul per insegnare nella locale università, sembra finalmente avere una nuova opportunità di cucinare per Saime. Ma proprio quando la loro relazione pare stia per ricominciare il marito di Saime ritorna, lasciando Fanis a cercare di riconciliare il suo passato, il suo presente e la speranza nel futuro.

 

Con la magia di “Amelie” e la toccante nostalgia di “Nuovo cinema paradiso”, “Un tocco di zenzero” è una incantevole e appassionata favola sull’amore, sulla luce, i suoni e i sapori della vita, del cibo e della famiglia.

fonte: LADY FILM S.r.l.
Repost 0
Published by Indipendent Collector - in Cinema d'essai
scrivi un commento

Presentazione

  • : Indipendent Collector Outsider Art
  • Indipendent Collector Outsider Art
  • : Pubblicazione eventi culturali, ricerca spazi e luoghi espositivi, promozione di artisti.
  • Contatti

Arte Irrregolare ed altro